Archivi tag: start up

OPEN INNOVATION IN NUMERI

open-innovationOltre due terzi dei soci corporate delle startup innovative iscritte hanno sede nel Nord Italia ed anche la maggior parte delle startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese ma, messe a confronto, le percentuali – rispettivamente 69 e 55% – raccontano un superamento della logica del distretto industriale e mettono in luce il flusso di investimenti che dal Nord raggiunge startup che operano nel Centro- Sud. E’ quanto è emerso dai dati del primo Osservatorio sui modelli italiani di Open Innovation e di Corporate Venture Capital, promosso da Assolombarda, Italia Startup e Smau in partnership con Ambrosetti e Cerved. Continua a leggere

Annunci

A LONDRA SI DICE RICH CLICKS

richclocksIn italiano si chiamerebbe “click ricchi”, ma è nata a Londra, fondata da due italiani, quindi si chiama Rich Clicks. In entrambi gli idiomi il nome anche ben presenta il risultato del servizio che questa start up offre: supporto e strategie di marketing per portare al successo un business online.

Fondata dal 33enne Simone Luciani e dal 35enne Simone Passacantilli, Rich Clicks è un’agenzia di consulenti di marketing 2.0, come clienti ha molte start up, ma anche molti marchi già noti, come Conforama. Si rivolge alle aziende “che vogliono accrescere autorevolezza in rete e necessitano di fare pubblicità di successo nei canali digital” e anche alle realtà “che vogliono applicare strategie marketing innovative e vincenti per affermare ulteriormente il brand, aumentare la propria notorietà e, nel caso degli e-commerce, vendite”. Luciani ha studiato a Londra Internet Marketing e ha un master all’IDM in Digital Marketing, Passacantilli, allo IED ha studiato Marketing e Comunicazione, specializzazione pubblicitaria, entrambi sono appassionati da sempre del settore, lavorano nel digital marketing da più di 10 anni e hanno vissuto tutte le epoche della grande rete, “facevamo SEO quando Google ancora non esisteva” racconta Luciani.

Continua a leggere

UN PONTE DI LINGUE: WORLDBRIDGE

worldbridge cover.JPG

Non amici stretti, si stimavano tacitamente e a distanza, poi hanno scoperto dopo una decina d’anni di avere skills molto complementari e iniziando a collaborare è stata subito “una folgorazione” che ha dato vita a Worldbridge, la “startup-ponte linguistico” che facilita la comunicazione e il dialogo fra le persone, le aziende e le culture. I protagonisti, e i fondatori, sono Duccio Armenise e Maral Shams, oggi 32enni ma all’inizio dell’avventura, ancora under 30, lei è “una linguista istintiva e sanguigna”, lui “nerd pacato e razionale”: due persone davvero agli antipodi. Dall’unione degli opposti è nata una realtà che oggi sta in piedi da sola, a tre anni dalla sua nascita: “siamo cresciuti senza finanziamenti, senza indebitarci, e senza incubatori né acceleratori. Siamo sempre stati attenti a non fare il passo più lungo della gamba e a reinvestire tutte le nostre entrate in talento e poche altre cose essenziali” spiega infatti Armenise. Continua a leggere

‘LOCAL FRIEND’ PER TURISTI

Schermata del 2016-05-27 16:17:43

Un servizio per entrare a contatto con città e comunità cittadine, attraverso un esperto locale che condivide con noi le sue conoscenze e il suo stile di vita “in situ”, ribattezzato “Local Friend”, non poteva che chiamarsi Guide Me Right. È “un nome scelto assieme ai compagni di Master: ci è piaciuto subito anche perchè volevamo creare una community a livello internazionale. Per cui il nome non doveva essere troppo italiano”. A raccontare così l’idea e il battesimo di questa startup è uno dei suoi giovani fondatori, Luca Sini, gli altri due sono Pietro Pirino (designer) e Andrea Zanda (Developer). Continua a leggere

DIGITALI IN 5 GIORNI

Schermata del 2016-05-18 11:20:43

Dall’analfabetismo, digitale, alla creazione di un sito o di una app, in 5 giorni di corso proposto nel cuore di Milano, intensivo, ma approcciabile anche da chi non ha un background prettamente scientifico: potrà “combinare le competenze”. Insegnare a programmare da zero è la sfida affrontata dalla coraggiosa startup nata a Milano da startupper già esperti, ma che mai si accontentano quando si tratta di inseguire il futuro, fino ad anticiparlo.
Tra i fondatori di Mosaicode, infatti, così si chiama questa realtà imprenditoriale nuova sul campo, ci sono anche Jacopo Vanetti, di JUSP, e Andrea De Spirt, di Jobyourlife, “reduci” da due successi indiscussi e tutti italiani, con loro anche Paolo Pastore, co-fondatore e CEO. Continua a leggere

SALOTTI SARTORIALI

Schermata del 2016-05-11 11:42:33

Amanti di piaceri vintage e contemporaneamente à la page che aspettano le pellicole del Sundance Festival e delle kermesse d’essai per andare al cinema e che in sala di certo non mangiano popcorn bensì variopinti macaron, sfoggiando gioiellini démodé e abiti rispolverati dal baule della nonna. E rincasando fischettano melodie tratte da vecchi vinili per poi buttarsi su un divano a sfogliare pagine ingiallite dove hanno riposto, nel tempo, fiori secchi da conservare. Ecco l’identikit preciso e quasi esclusivo del target di un progetto non certo per gente qualunque. Altrimenti che “salotti” sarebbero?”. Quelli di Filogramma, sono salotti sartoriali, dove la couture si fa conviviale, sono “happening sartistici” per cui ci vogliono anfitrioni ad hoc. Continua a leggere

ENERGIA SMART

Schermata del 2016-05-06 13:26:34

Mancava l’energia, dopo le banche e le assicurazioni, nel ventaglio dell’on line a cui gli italiani si approcciano ancora in modo parecchio diffidente. L’idea e il coraggio di colmare il vuoto e rompere il ghiaccio lo hanno avuto gli ideatori di Wekiwi. “We” “perché vogliamo essere un’azienda social e aperta al confronto”, spiegano, e “kiwi” oltre che per l’adorazione per il verde e vitaminico frutto, anche perché “assomiglia un po’ al tradizionale kW elettrico e allo stesso tempo ha il suono tipico ‘da web’ come le parole wi-fi, wikipedia”. Continua a leggere