Archivi tag: Makers

PER I MAKERS, E’ VENDETTA UNCINETTA

vendetta uncinetta 1Corsi di fotografia, styling, indicizzazione SEO, comunicazione web, gestire social network, branding ma nessuno aveva ancora approfondito il tema del prodotto fino all’arrivo di Gaia Segattini che oggi propone a crafters e makers, on line, nel suo sito www.vendettauncinetta.com un completo servizio proprio di “consulenza sul prodotto”. Così va a colmare un “buco” di preparazione in una scena che lei stessa ha visto crescere e strutturarsi in maniera sempre più indipendente e professionale.

Dopo un’esperienza di 18 anni come designer e ricercatrice di tendenze nell’abbigliamento e altri 8 dedicati a scrittura web, creazione contenuti creativi e consulenze nel settore del nuovo artigianato, Gaia ha notato che “si è approfondito tutto quello che ruota attorno al prodotto ma non il prodotto stesso. Se il prodotto non convince, non basta nessuno storytelling – spiega – spesso infatti si è concentrata l’attenzione sulla fase precedente alla creazione del prodotto, oppure su quella successiva, per raccontare, comunicare, vendere il proprio prodotto”. Da fine novembre sul suo sito cliccando su “prenota una consulenza con me” molti artigiani hanno trovato una voce esperta e utili consigli, pratici e mirati.  Continua a leggere

PICCOLA LEGATORIA, GRANDI DESIDERI

piccola legatoria 2.JPG“Sarebbe bellissimo avere dei libri microscopici da avere sempre con sé”: da una frase sussurrata dal figlio allora di 5 anni alla fine di una lettura serale, è nata la Piccola Legatoria di Ylenia Bagato.

L’idea di creare ciondoli da sfogliare e appendere al collo è nata sette anni fa, col tempo di è organizzata: da lunedì a venerdì gestisce un asilo nido sul Lago di Garda, dove vive, sabato e domenica legge e recensisce libri, preparando attività per il Festival Giallo Garda, e ogni giorno o quasi, che sia feriale o festivo, dopo pranzo o dopo cena, quando ci sono quelle mezzore morte prima di rientrare al lavoro, o prima di procedere con i riti della buonanotte, confeziona microlibri. “Il tempo impiegato è parecchio, anche se adesso sono diventata velocissima” spiega questa 40enne dalla famiglia che lei stessa definisce “sgangherata”.
Continua a leggere

LIBRI CHE RESUSCITANO CON BOOK CEMETERY

bookcemetery 2.jpgCome “cemetery”? Lo chiedono tutti , tra turbamento e fascino, ma loro, Christian Sartirana e Francesca Zanotto, 32 e 27 anni, volevano dare l’idea di voler ripescare idee e oggetti. Dato che il nome intero è “Book Cemetery”, nel loro caso si tratta per lo più di libri, da salvare dalle macerie e dal macero, per poi riproporli in una nuova veste creativa e a impatto zero. E, sì, lo ammettono, con un tocco di gusto dark.
Quella che era una vecchia libreria, a Casale Monferrato, piena di testi usati e antichi, affiancata da un laboratorio di legatoria, oggi ha mantenuto lo stesso nome -”Book Cemetery” – ma sforna prodotti di legatoria.

Continua a leggere

MONZA MAKERS

Schermata del 2015-11-26 15:58:04

“The new Made in Italy” è quanto proposto dalla Città del Mobile per definizione, Lissone (MB), da tre makers ed un imprenditore “nativi” che si propongono nel settore distinguendosi perché in grado di modellare, e non solo di stampare da file già fatto. Uniti, si chiamano Monza Makers e ci sono competitors milanesi che bussano alla loro porta per questa parte di modellazione che completa il servizio da loro proposto al cliente: “dal design alla modellazione, appunto, dalla prototipazione fino alla stampa 3D”. Continua a leggere

L ‘ARTEDÌ’ REINVENTARE

10847579_10153212557179015_2762284777589760396_o

Grazie ad una laurea in scienze ambientali sa “cogliere le potenzialità di ogni materiale, mutandone la forma attraverso processi chimici e fisici, rielaborandoli per renderli desiderabili, armoniosi, in equilibrio”. Sarà per questo che dalle mani di Tatiana Stoppa nascono pezzi unici ed originali, che siano orecchini o collane, o altri accessori. Lei è una mamma 40enne milanese e il suo “brand” si chiama “Artedì”. “Imprimo la mia impronta” racconta questa artista dalla formazione scientifica che per molti anni si è dedicata alle tematiche ambientali, ai parchi, alle scuole e ai bambini. Oggi ne ha uno suo di quasi 10 anni che, come racconta soddisfatta, “mi mantiene vicina al mondo dell’infanzia, con apertura mentale e libertà espressiva, libera da preconcetto”. Continua a leggere

I FIORI DI EMILIO

foto 5

Non gli piacevano molto i fiori finti nelle portineria del suo luogo di lavoro, così ha deciso di farne lui, un mazzetto, intrecciando “grucce” da buttare e nastri di bomboniere di matrimoni archiviati. Così, ora, Palazzo Marino ha all’ingresso un bouquet colorato e sostenibile, e a vegliare al portone, a turno con altri colleghi vigili urbani, un 47enne in divisa con l’anima artistica e la passione per il riciclo. Lui si chiama Emilio Pennica, è originario di Reggio Calabria ma vive a Milano da 20 anni. La sua passione, però, ha trovato spazio un paio di anni fa, da allora ha creato non solo fiori ma anche un crocifisso, un albero della vita alto 1.60, colombe della Pace e il presepe che lo scorso dicembre ha portato una ventata natalizia nella portineria di Palazzo Marino. Continua a leggere

FABTOTUM

Schermata del 2015-03-20 14:37:37

L’unica al mondo ad unire in soli 36 cm cubi le funzioni di una stampante 3D, di uno scanner 3D e di una fresa a controllo numerico è FABtotum ed è Made in Italy. Anzi, Made in Milan, o per essere ancora più precisi, come deve essere un dispositivo così, made in San Donato. Entrambi architetti ed entrambi 30enni, è da lì che vengono, e lì che hanno sede operativa, i due ideatori di questa start up, più apprezzata all’estero che in Italia, “anche se adesso la situazione sta cambiando”. Si chiamano Giovanni Grieco e Marco Rizzuto e hanno sentito la necessità di FABtotum mentre studiavano. Continua a leggere