Archivi categoria: tecnologia

CO+FABB = FUTURO MANIFATTURIERO

co fabbManifattura e innovazione si incontrano, poco lontano dal confine con Milano, in un luogo dove le nuove aziende e le startup del settore possono trovare servizi e supporto e le imprese già operative sui mercati riescono ancora a sperimentare, seguendo i progetti fin dall’inizio. Questo luogo si chiama Co+Fabb, ha il cancello rosso che spicca in un panorama dai toni grigi, da hinterland, e dentro ne ospita “di tutti i colori”.

Nei suoi oltre 4.000 mq di spazio ci sono infatti realtà molto varie, ma tutte interessate a stare in un luogo di lavoro condiviso e collaborare con altre aziende con la stessa mentalità.

Una che si occupa di droni – In The Air – collabora con “la vicina di ufficio” che opera in ambito sanitario – Mobiix: assieme realizzano un servizio 4.0 di riconoscimento etichette in magazzino, con droni al posto di persone. Continua a leggere

Annunci

URBLENS, E TUTTO SCORRE LISCIO

UrbLens

Condizioni d’asfalto, livello di inquinamento dell’aria, distribuzione di temperatura e inquinamento acustico: entro il 2017 UrbLens vuole essere in grado di offrire informazioni su questi servizi ai cittadini e ai loro Comuni.

“Made in Polimi”, questa startup si propone infatti di fornire mappature quotidiane delle condizioni dell’asfalto evidenziando malformazioni presenti su strade urbane ed extra urbane. Oggi il suo team ha sviluppato un prototipo funzionante e “stiamo lavorando per poter ampliare il numero di servizi e di analisi che possiamo fornire” nel 2018. Continua a leggere

AVATAR, INNOVARE AD ALTA QUOTA

avatarMotori aeronautici di nuova generazione, concepiti per ridurre notevolmente l’impatto ambientale del trasporto aereo ma non utilizzabili per “problemi di fattibilità”. Erano nel limbo, progettati in maniera preliminare ma bloccati perché a rischio di rottura, poi è spuntato Avatar, un dispositivo in grado di ridurre le vibrazioni e il flutter sulle superfici aerodinamiche di questi motori con attuatori al plasma.

Ideato da Valentina Motta, alla guida del team composto anche da Leonie Malzacher e dal docente del Politecnico di Milano Giuseppe Quaranta, questo sistema affatto banale da spiegare ai non addetti al settore, porta dei vantaggi che, al contrario, toccano tutti e da vicino: la riduzione significativa sia le emissioni di gas inquinanti, sia il costo del trasporto aereo. Continua a leggere

WILDCARD, PER GUARDARE OLTRE LA DISABILITA’

WILDCARD 1Corso magistrale in Ingegneria Informatica di Advanced User Interfaces del Politecnico di Milano, missione “imparare a risolvere problemi di vita reale, analizzando gli utenti sul campo”, risultato: Wildcard. Questo è accaduto quando Daniele Occhiuto era uno degli studenti e Mirko Gelsomini il tutor del corso. Oggi, entrambi dottorandi in Ingegneria Informatica e stanno sviluppando questa piattaforma per la realtà virtuale immersiva con supporto dei professionisti di L’Abilità Onlus, cercando illustratori, designer e ingegneri per ampliare il team.

Progettata e valutata con psico-terapeuti e specialisti del settore, Wildcard è in grado di supportare e incrementare le capacità cognitive di chi ha disabilità intellettiva.

Continua a leggere

CONTRO L’HATE SPEACH, LOUDEMY

loudemyAbbassare i toni, alzare la qualità dell’informazione, sui social. Per questo è nato Loudemy, uno strumento a disposizione di tutti i cittadini, gratuitamente, mentre è a pagamento e personalizzabile, per organizzazioni, associazioni, enti, giornali e altre imprese. Ad inventarlo è stata Selene Biffi, ormai da molti definita startupper seriale, ma che prima di tutto deve essere chiamata una startupper seria: mai una sua creazione ha mancato di essere utile e dedicata a popolazioni o questioni di emergenza a livello mondiale.

Questa volta, Biffi, se l’è presa con l’hate speach e con Loudemy vuole mettere a tacere chiunque usi i social per diffondere messaggi errati o di odio. Per farlo, è stata studiata ad hoc una piattaforma di chatbox, capace di dialogare come un essere umano, spesso usata per “servizi al cliente” in modo che fosse in grado interagire in modo indipendente nelle conversazioni sui social e intervenire sulle tematiche più disparate. Continua a leggere

FARE QUADRATO CONTRO LE TRUFFE, CON SQUARE

Truffato non una ma ben due volte, mentre comprava e vendeva on line oggetti usati, rimasto affascinato dalla filosofia di vita, del suo “host father” quando 6 anni fa ha studiato un anno in California, Nicola Catena, oggi studente di Economics alla Università Cattolica, ha progettato Square.

Assieme a Martina Sgambati e Davide di Donato, con un team di età media 24 anni, completato da Francesco Bidoia e Michele Pierangeli, ha infatti creato un marketplace online in cui chi vende e chi compra un bene via internet si affida ad un terzo per il ritiro, il controllo e la spedizione. Non un “terzo” a caso ma un partner associato alla piattaforma che controlla la veridicità delle affermazioni del venditore, spedisce il pacco all’acquirente e viene retribuito con una percentuale (2%) detratta dalla cifra di vendita. Continua a leggere

DARE VOCE, CONSERVARE RELAZIONI

my voiceCapsule del tempo, ma all’interno non c’è nulla, nulla di tangibile, per lo meno, perché sono pillole sonore che contengono messaggi vocali. Li collezione e li conserva l’app My Voice proposta dal Centro Clinico NeMO, centro multidisciplinare ad alta specializzazione per il trattamento delle malattie neuromuscolari, in attesa di tempi peggiori. Sì, peggiori, perché questa applicazione innovativa, sviluppata in collaborazione con l’agenzia pubblicitaria McCANN, è rivolta soprattutto alle persone con patologie neuromuscolari, che per il progredire della malattia perderanno la capacità di parlare autonomamente.

Disponibile sulle piattaforme App Store, Google play o Microsoft Store, per iOS a 2,29 euro e per Android e Microsoft a 2,49 euro, My Voice consente di registrare espressioni familiari e ricorrenti che fanno parte delle relazioni quotidiane del paziente e categorizzarle per rendere i sistemi di comunicazione artificiale, sino a oggi dotati di una voce metallica, più rappresentativi dell’identità della persona. Continua a leggere