Archivi categoria: #makers

ARTIGENI D’OGGI

sei un genioGenerazione Y, generazione Z… ma la generazione degli Artigeni non si era ancora vista, o meglio, identificata, fino a quando Giampaolo Colletti non è arrivato in libreria con  “Sei un genio!”. Sottotitolo di questo libro pubblicato da Hoepli, è “La rivoluzione degli Artigeni, artigiani e lavoratori dalle idee geniali”

L’autore, un communication manager e storyteller digitale con oltre 12 anni di esperienza lavorativa nel campo delle nuove tecnologie, sostiene che per fare impresa oggi è necessario partire, da un’intuizione, quindi, avere una idea “wow”. Continua a leggere

TERTULIA: RIVISTA CON IL CUORE DI LIBRO

tertulia 2.JPGTertulia in spagnolo significa “circolo”, indica l’incontro periodico attorno al tavolo di un caffè di persone interessate a un ramo dell’arte, per condividere idee e opinioni. Tertulia in Italia significa da circa un anno e mezzo “un modo diverso di raccontare gli affetti e i momenti importanti della gente”, unendo le passioni e le competenze delle componenti del team che così ha chiamato la propria neo impresa.

Greta è fotografa, Daniela è grafica ed illustratrice, Stella lavora nel marketing, Arianna scrive, tutte amano le storie, assieme realizzano una rivista cucita addosso al cliente che “vedrà se stesso attraverso gli occhi delle persone che ama”. Lo può desiderare la coppia di promessi sposi, ma anche il gruppo di amici che vuole fare un originale regalo di laurea o di compleanno o l’azienda che desidera rinnovare il team building, dando spazio alle persone e documentandolo in maniera nuova.

Tertulia si addice a tutti perché tutti hanno un momento da celebrare e, quindi, una storia da raccontare e che desiderano condividere con le persone vicine.
Continua a leggere

PER I MAKERS, E’ VENDETTA UNCINETTA

vendetta uncinetta 1Corsi di fotografia, styling, indicizzazione SEO, comunicazione web, gestire social network, branding ma nessuno aveva ancora approfondito il tema del prodotto fino all’arrivo di Gaia Segattini che oggi propone a crafters e makers, on line, nel suo sito www.vendettauncinetta.com un completo servizio proprio di “consulenza sul prodotto”. Così va a colmare un “buco” di preparazione in una scena che lei stessa ha visto crescere e strutturarsi in maniera sempre più indipendente e professionale.

Dopo un’esperienza di 18 anni come designer e ricercatrice di tendenze nell’abbigliamento e altri 8 dedicati a scrittura web, creazione contenuti creativi e consulenze nel settore del nuovo artigianato, Gaia ha notato che “si è approfondito tutto quello che ruota attorno al prodotto ma non il prodotto stesso. Se il prodotto non convince, non basta nessuno storytelling – spiega – spesso infatti si è concentrata l’attenzione sulla fase precedente alla creazione del prodotto, oppure su quella successiva, per raccontare, comunicare, vendere il proprio prodotto”. Da fine novembre sul suo sito cliccando su “prenota una consulenza con me” molti artigiani hanno trovato una voce esperta e utili consigli, pratici e mirati.  Continua a leggere

PICCOLA LEGATORIA, GRANDI DESIDERI

piccola legatoria 2.JPG“Sarebbe bellissimo avere dei libri microscopici da avere sempre con sé”: da una frase sussurrata dal figlio allora di 5 anni alla fine di una lettura serale, è nata la Piccola Legatoria di Ylenia Bagato.

L’idea di creare ciondoli da sfogliare e appendere al collo è nata sette anni fa, col tempo di è organizzata: da lunedì a venerdì gestisce un asilo nido sul Lago di Garda, dove vive, sabato e domenica legge e recensisce libri, preparando attività per il Festival Giallo Garda, e ogni giorno o quasi, che sia feriale o festivo, dopo pranzo o dopo cena, quando ci sono quelle mezzore morte prima di rientrare al lavoro, o prima di procedere con i riti della buonanotte, confeziona microlibri. “Il tempo impiegato è parecchio, anche se adesso sono diventata velocissima” spiega questa 40enne dalla famiglia che lei stessa definisce “sgangherata”.
Continua a leggere

DESIGN D’EPOCA, INNOVATIVO

epoca-design-logoEsiste uno stile di vita che declina l’artigianato con l’amore per la natura dando vita a “cose belle fatte a mano e con passione”, si chiama Epoca ed è un brand di prodotti in legno per l’outdoor. Skateboard, longboard e sci dal sapore retrò ma dalle tecniche produttive moderne, particolarmente preziosi perché personalizzabili.
Inserendo un pannello rivestito in pregiati tessuti, infatti, tra cui il pied de poule o il tweed, la grafica di ogni pezzo è unica e, proprio come una collezione di moda, di stagione in stagione può “vestire” diversi colori e materiali. Tre skateboard di questa startup milanese – Cloto, Lachesi e Atropo – sono stati selezionati dalla Triennale di Milano per la XXI Esposizione Internazionale di Design del 2016 ma il catalogo, in continuo ampliamento, presenta già una piccole serie di skateboard, longboard, pagaie e sci, per i moderni “outsider” metropolitani.

Continua a leggere

LIBRI CHE RESUSCITANO CON BOOK CEMETERY

bookcemetery 2.jpgCome “cemetery”? Lo chiedono tutti , tra turbamento e fascino, ma loro, Christian Sartirana e Francesca Zanotto, 32 e 27 anni, volevano dare l’idea di voler ripescare idee e oggetti. Dato che il nome intero è “Book Cemetery”, nel loro caso si tratta per lo più di libri, da salvare dalle macerie e dal macero, per poi riproporli in una nuova veste creativa e a impatto zero. E, sì, lo ammettono, con un tocco di gusto dark.
Quella che era una vecchia libreria, a Casale Monferrato, piena di testi usati e antichi, affiancata da un laboratorio di legatoria, oggi ha mantenuto lo stesso nome -”Book Cemetery” – ma sforna prodotti di legatoria.

Continua a leggere

STRINGIMI, IL MOBILE A MODULI

stringimi coverUna libreria “che mi potesse accompagnare mutando sempre, che si adattasse alle mie nuove esigenze, semplice e funzionale, facile da trasportare, che potesse cambiare forma e soprattutto fatta per i miei amati poveri libri che hanno dovuto subire tanti traslochi”. Fabrizio Degaetano, classe ’80, ne aveva tremendamente bisogno conducendo una vita di continui cambi di prospettive, di abitudini e soprattutto di casa: mediamente una volta l’anno. E’ così che ha creato Stringimi, una libreria modulare che al posto di chiodi o viti, ha dei nasti che vanno “stretti” come elementi che la tengono insieme. L’ha desiderato,un mobile così, e si è rimboccato le maniche prima progettando e poi realizzando la libreria e, con essa, uno dei suoi tanti sogni. Continua a leggere