Archivi categoria: #crowdfunding

GESTIRE EMERGENZE COL CROWD

bretmapsSegnalazione rischi con il crowdfunding, perché le informazioni in caso di emergenza sono il bene più prezioso, soprattutto se capillari e immediate. Gaia Guadagnoli se ne è accorta preparando l’esame di Post-Conflict e Gestione delle Emergenze presso l’Università Cattolica e ha creato BretMaps, grazie anche alle conoscenze acquisite sui Sistemi GIS per le emergenze presso l’Università di Roma Tre.

BretMaps è una startup neonata, in corso di registrazione, e si rivolge a tutti gli attori pubblici e privati che sono coinvolti nella gestione delle emergenze e che hanno bisogno di minimizzare l’entità dei danni e salvare vite umane. Si tratta di una piattaforma che permette al cittadino di segnalare rischi e che gli fornisce informazioni aggiornate e comunicazioni relative alla situazione corrente dell’area che lo circonda.

Non gira denaro, al crowd non si chiedono soldi, ma di segnalare quanto sembra loro utile per chi deve intervenire per salvare vite umane. Lo possono fare i singoli cittadini ma anche le amministrazioni e gli esperti cartografi: “ognuno per la sua competenza collaboreranno all’interno della stessa piattaforma – spiega Guadagnoli – per andare a sopperire al gap comunicativo bilaterale che allo stato attuale rende problematica la prevenzione e la gestione delle emergenze”.

Continua a leggere

PLANBEE, PIANO B ANTI DEGRADO

planBEETruppe antidegrado? No, meglio rimboccarsi le maniche e cercare di porre rimedio, oppure fondare la prima piattaforma italiana di crowdfunding interamente dedicata al crowdfunding civico, come hanno fatto Armando Mattei e Federico Garcea.

Nel 2015, vendendo spuntare sempre più numerosi, progetti e iniziative per riqualificare il territorio che partivano dal basso, hanno fondato la startup PlanBee che da poco iniziato un percorso di preaccelerazione in FabriQ, l’incubatore milanese con sede a Quarto Oggiaro.

“Attraverso il coinvolgimento di cittadini, aziende e istituzioni, miriamo a porre un rimedio allo stato di degrado che colpisce un numero sempre crescente di città in un numero sempre crescente di città” spiega Mattei che, assieme a Garcea, aveva notato come le idee e i progetti di realizzazione o riqualificazione di parchi, aree gioco, orti urbani, piste ciclabili non mancassero affatto, da Nord a Sud, anzi! Il problema era che, anche se spesso già approvati dalle amministrazioni, non potevano essere realizzati per carenza di fondi.
Continua a leggere

CROWDFUNDME FA SCEGLIERE IL “CROWD” VERO

crowdfundmeInvestire in startup innovative, 250 euro o anche 63mila, lo possono fare singole persone o società scegliendo nel portale di equity crowdfunding Crowdfundme in base al “WOW-factor”. Lo chiama così proprio il suo fondatore, Tommaso Baldissera Pacchetti, imprenditore milanese di 30 anni, che ha creato quello che oggi è il primo portale del settore per numero di investitori, oltre 500, con l’obiettivo di aiutare giovani con in mano un progetto, in cerca di fondi per realizzarlo.

Crowdfundme aiuta sia gli startupper innovativi sia chi ci vuole investire sulle loro idee fornendo strumenti e garanzie necessarie perché i progetti dei primi diventi realtà di successo grazie anche ai soldi dei secondi.
Continua a leggere

LETTO 2.0 CON BSCALE

Monitora i parametri di base e di salute e, volendo, può interagire a seconda di cosa ha fatto o sta facendo chi gli sta sopra, andandogli incontro. Non è una badante ma un letto, un letto speciale che si potrebbe definire 2.0.

Così lo descrive chi lo ha inventato, Oscar Bettinazzi, creando un sistema detto Bscale, in grado di fornire capacità tecnologiche innovative ai letti “classici” a cui si è abituati. Per rilevare informazioni su ciò che accade sopra il letto c’è una parte hardware costituita da un set di sensori da applicare sotto i sostegni del mobile una volta per tutte, poi funzionano in automatico dialogando con una applicazione, disponibile sia per smartphone, sia per tablet, su cui è possibile leggere cosa Bscale “vede” e “sente”. In tempo reale, quindi, dando una occhiata ad uno schermo possiamo leggere statistiche sulla qualità del sonno, il peso, dati su eventuali disturbi del sonno, etc.. Continua a leggere

EDITORI INNOVATORI

Schermata del 2015-10-22 12:36:37

Sono “lettori forti” ma non hanno resistito alla tentazione, alla sfida, appassionante, di innovare in un settore in crisi, di costruire un modello di editoria sostenibile. Così hanno creato una start up: Bookabook. Loro sono Tommaso Greco ed Emanuela Furiosi, milanesi di 34 e 26 anni: si sono chiesti nell’estate del 2013 “cosa sarebbe successo nell’applicare un sistema di finanziamento innovativo come il crowdfunding alla nostra grande passione, il libro”, il 2 aprile 2014 hanno lanciato la propria piattaforma e oggi vogliono farle prendere quota attraverso Réseau Entreprendre Lombardia (Rel) con base in piazzale Cadorna al 2. Continua a leggere

CROWDFUNDING LETTERARIO

Schermata del 2015-10-14 10:17:28

Crowdfunding verticale, per una missione che ha bisogno di concentrare tutte le forze: quella di migliorare il mondo dell’editoria e permettere a chiunque di avviare il proprio sogno, purché esso abbia a che fare con l’editoria e la letteratura. E’ il crowdfunding a cui è dedicata la startup Upspringer.com, una piattaforma nata nel 2014 da madre e figlia, con una sede a Miami e una a Milano. Isabella e Carmen Cultrera, così si chiamano le due fondatrici, hanno vissuto per anni negli Usa e da lì nasce questo “ponte” mentre il focus sul mondo editoriale è frutto delle esperienze di entrambe nel mondo dell’editoria. Per loro, così sostengono, come CEO e co-founder di Upspringer, “c’era qualcosa che mancava e sempre più autori emergenti cercavano di aggirare i meccanismi tradizionali di pubblicazione ricorrendo al self-publishing”. Continua a leggere

RIVOLUZIONE CROWDFUNDING

Schermata da 2015-01-08 13:05:41

DeRev sta per “De Revolutione“, ma non ne bastava una e, fatta la prima nel 2012, nascendo, ora ha fatto la seconda, doppia e internazionale. Nata infatti come piattaforma di crowdfunding per finanziare progetti di arte e cultura, design e tecnologia, o anche sportivi o civici, eventi, cause no-profit e quant’altro, nel 2014, anche grazie a Digital Magics, ha deciso di varcare i confini italiani, allargandosi al settore di Social Media Consulting. Il fondatore, Roberto Esposito, è uno forte sostenitore del motto “Creare rivoluzioni è possibile” e offre l’opportunità a tutti di farne, o meglio la offre a chi ha una buona idea. Attraverso DeRev, è infatti possibile finanziarla dal basso ottenendo visibilità, feedback e partecipazione attiva da parte del proprio pubblico, “pescando” da una community di 18mila donatori e oltre 5 milioni di iscritti sui social. Continua a leggere