MAPPE DA TOCCARE, MA NON TOUCHSCREEN

italy for kidsLe mani sulla città, per giocare con i personaggi che ne hanno fatto la storia, per esplorare le sue vie e i monumenti che la rendono nota al mondo, per divertirsi ed imparare per curiosità e non per dovere. O per imposizione dei genitori.

Le mani sulla città i più piccoli possono metterle grazie a Italy for Kids, un progetto sviluppato da un team di professioniste del settore editoriale e della comunicazione, e mamme, che hanno voluto creare “qualcosa di speciale, che parlasse la lingua dei loro figli, divertendoli pur restando “scientificamente” corretta”.

Ogni città è raccontata attraverso le illustrazioni, ci sono i personaggi, piatti tipici e curiosità che fanno capolino e possono essere scoperte come in un gioco. Le mappe di Italy for Kids non sono solo della piantine “allegre” ma arricchiscono il concetto di “stradario” con giochi e informazioni, c’è anche un foglio di adesivi e tutto è custodito in una pratica confezione molto resistente da poter maneggiare con foga ed entusiasmo, quello che anima i piccoli e grandi esploratori.

Sia in italiano e inglese, queste mappe si rivolgono sia ai turisti, sia ai “nativi” delle principali città italiane, dai 7 anni in su, per via delle competenze spaziali richieste per consultarle. E’ vero anche che i più piccoli si possono divertire con i giochi e i monumenti, i più grandi con gli adesivi che piacciono a tutti. E poi, non è mai troppo tardi per imparare!

Nell’era degli smartphone, avere uno strumento magico che non sia touchscreen ma da toccare e con cui interagire da mettere in mano ai propri figli, sembrerà un sogno a molti genitori che potranno visitare le città con loro, davvero “con”, e con i cellulari in tasca.

Quella di Milano è stata la prima mappa realizzata e il team di Italy for Kids è particolarmente affezionato ad essa, tra i personaggi ha incluso Manzoni e Leonardo ma anche Elio al Parco Sempione con i bonghi e Adriano Celentano in via Gluck. Ci sono ballerine alla Scala e pittori a Brera. E naturalmente belle lavanderine in zona Navigli.

C’è la nuova Milano di City Life, con una bella gru a indicare il work in progress, c’è il Bosco Verticale e piazza Gae Aulenti perché “negli ultimi anni lo skyline della città è completamente cambiato e la nostra mappa è un buon riferimento per aiutare anche i più piccoli a orientarsi”.

Per realizzare ogni mappa, viene fatto un sopralluogo poi si passa al lavoro vero e proprio con la definizione dell’area e lo stradario e, a seguire, con “l’animazione” della città inserendovi monumenti e personaggi celebri. Tocco finale, “le curiosità o le cose che piacciono a noi, quelle che vogliamo trasmettere”. I giochi vengono sviluppati di conseguenza, come curiosità e informazioni, grazie anche alla collaborazione di persone che vivono sul posto.

Vendendo il successo che in soli due anni, le mappe hanno riscosso, Italy for Kids ha iniziato a creare un nuovo “format”. Si tratta di blocchi da passeggio ricchi di giochi per continuare a scoprire le città divertendosi con mappe labirinti, unisci i puntini, trova le differenze facevano capolino sul retro e così via. GiocaMilano è già disponibile nelle librerie da varie settimane, GiocaTorino lo è dal Salone del Libro della stessa città in poi.

Di Marta Abbà

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...