DIGITALI IN 5 GIORNI

Schermata del 2016-05-18 11:20:43

Dall’analfabetismo, digitale, alla creazione di un sito o di una app, in 5 giorni di corso proposto nel cuore di Milano, intensivo, ma approcciabile anche da chi non ha un background prettamente scientifico: potrà “combinare le competenze”. Insegnare a programmare da zero è la sfida affrontata dalla coraggiosa startup nata a Milano da startupper già esperti, ma che mai si accontentano quando si tratta di inseguire il futuro, fino ad anticiparlo.
Tra i fondatori di Mosaicode, infatti, così si chiama questa realtà imprenditoriale nuova sul campo, ci sono anche Jacopo Vanetti, di JUSP, e Andrea De Spirt, di Jobyourlife, “reduci” da due successi indiscussi e tutti italiani, con loro anche Paolo Pastore, co-fondatore e CEO.
L’idea di Mosaicode, e della sua full immersion meneghina, parte da dati che già nel 2014 raccontano come entro il 2020 avremo bisogno di 900 mila programmatori in più rispetto a quanti riuscirà a formarne il sistema educativo così com’è. Se già oggi per accedere a molti lavori le competenze base d’informatica sono essenziali, quasi una richiesta scontata, andando avanti, verso il 2020 e oltre, anche il saper programmare diventerà con la stessa, se non maggior velocità, un requisito comune. Si può stare a guardare, prendendo polvere alla propria scrivania mentre il resto del mondo programma il futuro, oppure si può imparare. Qualcosa di utile: programmare.
Di scuole ce ne sono già, ma Mosaicode ha deciso di rifarsi ad un format che ha mostrato ottimi risultati in realtà simili sviluppate in USA. Da zero conoscenze al primo sito proprio, o app, in 5 giorni, è una accelerazione niente male, per una startup, da offrire, e per l’alunno che deve darci dentro nel vero senso della parola. Per fornire le conoscenze di base a chi vuole imparare a programmare, nel minor tempo possibile e senza dover impegnare somme considerevoli, Mosaicode ha selezionato il proprio corpo docente pescando tra i migliori programmatori sulla piazza. La tecnica d’insegnamento si basa inoltre su un approccio fortemente basato sulla pratica: in 5 giorni non c’è tempo per le chiacchiere, se non nell’ottica di far familiarizzare gli studenti con gli standard professionali utilizzati per realizzare un prodotto digitale completo.
Con la tipica, e doverosa, mentalità da startupper, inoltre, i fondatori sostengono che non ci sia nulla di impossibile. Quindi anche i filosofi e i latinisti possono partire con il loro zero assoluto in programmazione e uscire dalla 5 giorni a Milano con Mosaicode con basi solide su cui costruire. Poi, è la passione “il fattore discriminante che può far sì che una semplice curiosità si trasformi in un vero lavoro – spiegano – il reale ostacolo per i neofiti è in verità il saper approcciare correttamente la materia”. Ecco perchè Mosaicode diventa essenziale: veglia sull’innesco del processo di apprendimento, nel momento in cui si creano le basi, per poi accelerare e dare le linee guida per continuare a corso finito, sia restando a Milano, sia portando le nuove capacità acquisite altrove.
Proprio altrove, alla domanda di professionisti preparati in programmazione, il sistema di formazione ha risposto da tempo e fioriscono scuole e corsi di ogni tipo. Basta pensare alla Flatiron School di New York o all’École 42 di Parigi, aperta 24 ore al giorno 7 giorni su 7 e nata – come recita la sua homepage – ”per sopperire alla carenza di programmatori che rischia di rallentare pericolosamente lo sviluppo delle imprese transalpine, frenando la creazione di migliaia di posti di lavoro indiretti”. Mancava la risposta italiana, ora è arrivata, da Milano, e suona come “Mosaicode”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...