IL POSTO ‘GIUSTO’

Schermata del 2015-04-01 10:51:41

Cooperative e imprese sociali, profit e low profit ora hanno il loro aggregatore business. E’ il primo tutto per loro, è nato a gennaio 2015 e da febbraio è on line su righthub.it : qui “Buyer” e “Seller” possono incontrarsi, iscrivendosi gratuitamente, per fare assieme un business sostenibile e attento agli interessi della collettività. “Il cuore buono” è la peculiarità della start up iscritta nella sezione speciale del Registro delle Imprese, la sua esplicita simpatia per l’economia sociale, assicurata anche con un Codice di Comportamento che tutti devono sottoscrivere: soci, amministratori, dipendenti e collaboratori, fornitori e partner. Altrimenti, che “Right hub” sarebbe?
Per le imprese sociali si tratta di una occasione per crescere in efficienza e sostenibilità, e imparare a proporsi in modo vincente sul mercato, diventando parte di quella fetta di “non profit produttivo” di cui c’è sempre più bisogno. Right Hub fornisce loro servizi professionali di consulenza, affiancamento e formazione per la gestione di acquisti e logistica, per attività di vendita e marketing, per collaborazioni in vista di iniziative. Tutto all’insegna della sostenibilità ambientale, sociale, etica ed economica. Si tratta di valori che Right Hub vuole caratterizzino le modalità di acquisto estendendosi poi all’intera catena di fornitura.
La seconda linea di azione della start up è quella relativa al “matching”, alla fusione tra profit e non profit, perchè entrambi i mondi si facciano trovare sempre più preparati ad un mercato in crescente fluidità. E per giunta è ibrido. Come piattaforma on line, Right Hub mette in contatto i produttori di beni e servizi che operano nell’economia sociale – i Seller – con le imprese e organizzazioni, profit e non profit, interessati ad acquistarli – i Buyer. Da entrambe le parti non si paga nulla, iscrivendosi, ma solo a transazione avvenuta viene richiesto un corrispettivo.
Già nei suoi primi tre mesi di vita, questa start up sensibile ha “fatto amicizie” e in alcuni casi è nata una partenrship. Quella con l’editrice di Vita, di cui va ben fiero il fondatore e general manager di Right Hub, Luca Guzzabocca, sta già producendo sinergie interessanti, finalizzate ad arricchire l’offerta consulenziale e formativa relativa a come gestire gli acquistie e la logistica, ad esempio, ma anche a come migliorare le straregie di marketing oppure alle best pratics di sostenibilità. Ambientale, sociale o etica che sia, meglio se tutte e tre le cose contemporaneamente.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...