LA TECNOLOGIA SI PRENDE CURA

Schermata da 2015-02-11 14:04:44

Da casa o dall’ufficio, tenere sotto controllo l’operato dell’assistente domestico di un malato di Alzheimer, ricevendo aggiornamenti live sulla somministrazione di farmaci o pasti e rilevando pressione sanguigna o glicemia. Tutto ciò, e altro ancora, grazie a Koala Care. “Assistere chi assiste” i malati di Alzheimer con le nuove tecnologie, è l’obiettivo di questa start up pavese, che vuole anche dare una mano, e un data base, alla ricerca scientifica, senza pretendere di sostituirsi né ad assistenti né a medici, anzi, “facendo squadra” . Nata poco più di un anno fa con un’indole a forte impatto sociale, da Associazione di Promozione Sociale, Koala Care sogna in futuro di dare soluzioni di assistenza a tutte le varie patologie croniche e neurodegenerative fortemente invalidanti.

Andrea Lauria, il presidente 32enne, e il suo socio vicepresidente Alessandro Aiello, si sono conosciuti a Pavia, entrambi alla seconda laurea dopo esperienze di tutt’altro genere, l’uno in design, l’altro in materie economiche. Lì, nel Polo Tecnologico, Koala Care è stata inizialmente incubata, al fianco di veri e propri “guru” del settore: “le persone giuste al momento giusto” spiegano i due startupper.
Dopo un primo periodo di studio delle esigenze di chi materialmente assiste – “platea alquanto variopinta” – oggi si preparano a spiccare il volo scaldandosi i muscoli nell’aggregatore, primo vero incubatore sociale interamente digitale: Social 4 Social.
10245301_1391668861053663_2364529633779419482_nCon il suo team eterogeneo e multidisciplinare, completato lo scorso aprile con “il mentore” Bruno Conte, imprenditore sociale per definizione e sturtupper seriale per passione, Koala Care partirà in fase di test entro la fine di febbraio “per raccogliere importanti feedback sia dal punto di vista familiare che professionale”. “Il 2015 per noi sarà l’anno zero – spiega Lauria – entro giugno vogliamo ultimare la fase di test ed eseguire il go-live. Già da tempo stiamo contattando strutture private e RSA per raggiungere da subito un bacino di utenza considerevole”.
Chi fa assistenza al malato di Alzheimer, con Koala Care potrà “monitorare dieta e terapia farmacologica dell’assistito, rilevare e memorizzare parametri clinici e controllare le attività di riabilitazione cognitiva” spiega Lauria. “Gli altri progetti che hanno affrontato l’Alzheimer lo hanno fatto rivolgendosi direttamente al malato. Questo è ciò che ci differenzia – aggiunge – noi non vogliamo sostituire con un surrogato tecnologicamente avanzato la figura del caregiver. E neppure quella dei medici”. Anzi, l’idea è di costruire attorno al malato una rete assistenziale di professionisti sanitari scelti direttamente attraverso l’applicazione, annullando così le distanze tra medico, paziente e caregiver ed evitando anche il pericolo del fai da te. Con la nascita dei wearable devices si aprono ulteriori orizzonti interessanti, ma per il momento Koala Care è impegnato ad alleggerire le incombenza ad esempio dei tanti figli costretti ad abbandonare il proprio posto di lavoro per un genitore ammalato. “Mettiamo ordine in una condizione spesso molto complessa”.
Per dare una mano anche alla ricerca scientifica, la start up mira alla creazione di una banca dati “nel pieno rispetto dell’anonimato, associando la comparsa e la progressione della malattia di Alzheimer a molti parametri quotidianamente valutati”.
Con lungimiranza, capacità e fortuna, Koala sta portando avanti “un progetto ambizioso ma possibile. Un progetto che, essendo interamente cloud-based, non ha potenzialmente confini, ha una scalabilità molto elevata ed è pronto a partire da subito, anche sul fronte internazionale. Già dalla sua prima release infatti – assicura Lauria – l’applicazione verrà rilasciata in italiano e in inglese”. Altra importante rassicurazione, “parola di startupper”, è sul costo: “dipenderà dalla tipologia di licenza acquistata ma sarà un servizio assolutamente alla portata di tutti”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...