IL ‘LINKEDIN’ DELLA CHITARRA

Schermata da 2015-01-28 11:09:07

“Mi serve assolutamente un Linkedin per i maestri di musica” ha pensato il 28enne Roberto Marazzini, e non trovandolo, lo ha creato. “Ho voluto digitalizzare il mondo delle lezioni private e dare ai nostri clienti il massimo, selezionando uno ad uno i migliori professionisti disponibili a concordare sessioni di insegnamento con tempi e modalità flessibili”. Così è nata una start up, si chiama Cademi ed è autosostenibile: “viviamo con poco” , spiega lui stesso, “non puntiamo ad investimenti seed di alcun tipo, ce la dovremmo fare da soli!”.  Roberto e il suo socio 26enne Fabio Forghieri, entrambi ex-Dalani Home & Living, rispettivamente come Marketing Manager e Software Developer, hanno studiato tutto nei particolari. A partire dal nome: costruito a tavolino perché fosse semplice, orecchiabile e ricordasse il concetto di “Accademia”.

Semplice anche il servizio che questa start up offre, sul sito, on line da questo primo febbraio. Chi è in cerca di un maestro di musica, basta che inserisca la propria città, lo strumento che vuole imparare, ed in pochi secondi vedrà sul proprio schermo i profili di tutti i maestri presenti nelle zone limitrofe. “Scelto il maestro, basta contattarlo tramite l’apposito form ed il gioco è fatto: nessun costo e nessuna fatica!”spiega Marazzini. E’ a lui che un anno fa è venuta l’idea quando, intenzionato a riprendere a suonare la batteria dopo diversi anni di inattività, si è messo alla ricerca di un maestro e ha trovato solo “mezzi di mal organizzati e sopratutto datati. Inoltre, strumenti di classified puro come Kijiji o Subito hanno un’enorme reach, ma sono limitanti nel descrivere i servizi offerti. Ad esempio, quando contatto un maestro, non so esattamente che background abbia, quanti anni ha, che genere suona”.

Schermata da 2015-01-28 11:12:06

Cademi offre una alternativa alla ricerca “alla cieca”: infatti è vero che tutti i maestri d’Italia possono iscriversi, “autocompilando un apposito form sul sito”, e “non entriamo nel merito delle qualità tecniche del maestro. Ma controlliamo severamente la provenienza e l’autenticità del certificato di studio, che viene caricato dai maestri in fase d’iscrizione”
Mentre già pianificano l’entrata in Spagna, Svizzera e Francia – perché “il futuro è sicuramente il Sud Europa” – i due startupper da febbraio sono subito attivi in tutta Italia. Solo a Milano hanno già un bacino di oltre 200 maestri, la maggior parte sono insegnanti di Pianoforte e Chitarra, “ma Basso, Batteria e Canto si fanno avanti piano piano. Sono mediamente 30enni che nella vita insegnano musica privatamente o in strutture pubbliche”. Cademi è perfetto per farsi trovare facilmente, per chi vuole arrotondare, ma non solo. “E’ una grande opportunità per tutti i maestri di musica d’Italia per trovare da subito nuovi alunni. Fino all’estate abbiamo intenzione di rendere lo strumento totalmente gratuito per i maestri, in modo tale da dare tempo sufficiente a tutti per comprendere le potenzialità della piattaforma – spiega Marazzini – Poi applicheremo a chi vuole essere contattato una piccola fee mensile. Per gli utenti che sono alla ricerca di un maestro conviene perché non c’è assolutamente nulla del genere sul mercato: da oggi i volantini sui pali della luce hanno le ore contate!”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...