PEDALARE PAGA

Schermata da 2015-01-05 12:34:29

“Vuoi lo sconto? Pedala!”: funziona così l’idea che quattro universitari milanesi hanno proposto ai Tavoli Expo ed è già tutto pronto per l’evento: mancano solo i finanziatori e poi è fatta. “Let’s go fEATness“, il progetto, è nato a giugno tra i banchi di un corso di “Job Hunting” offerto a giovani intraprendenti dalla BCC di Cernusco Sul Naviglio, tra cui i 4 futuri startupper. “E’ stato lì che il professore, Giovanni Fino, ci ha trasmesso moltissimo entusiasmo e voglia di fare – spiega Maddalena Duio, portavoce della squadra – così, approfondendo l’amicizia creatasi al corso, siamo arrivati alla creazione del progetto”.

Sul sito Expo, ma in qualsiasi altro evento attento al benessere e al divertimento, “Let’s go fEATness” si propone come piattaforma di biciclette utilizzabile gratuitamente. Con 5 minuti di pedalata, dando il massimo, si guadagna un buono sconto generoso tanto quanto è stata atletica la propria performance fisica. L’energia, frutto del sudore dei visitatori, andrà ad alimentare le varie utenze, oltre ad alimentare con gli sconti loro stessi. Sì, perché saranno spendibili proprio nei vari stand gastronomici e i tanti punti ristoro di Expo 2015. “E’ un modo per incentivare in modo sportivo e accattivante i visitatori a conoscere i principali piatti tipici italiani, tutti preparati con ingredienti genuini – spiega Duio – Prevediamo un costo pari a 800-1000 euro circa a bici, è tutto pronto per essere realizzato ed è realizzabile molto facilmente, una volta trovati i fondi”.
Ora la fatica è quella, e gli startupper stanno raccontando la loro idea talmente calzata sui temi Expo che sarebbe un peccato non arrivare in tempo. Per non perdere l’occasione stanno sfoderando tutte le loro competenze e il loro entusiasmo, assieme sono una macchina 4 x 4: oltre a Duio, studentessa di management internazionale, c’è un altro 23enne, Andrea Caliò che studia economia delle banche, assicurazioni e intermediari finanziari e poi due ingegneri: il 25enne Andrea Mapelli, che sta seguendo ingegneria civile, e Valerio Vimercati, 23enne, che ha scelto quella meccanica.
Per ora ad aiutarli e incoraggiarli è stata BCC che “ha dimostrato interesse nei confronti del nostro progetto organizzando una piccola conferenza stampa”, si tratta infatti di guardare avanti, anche perché si tratta di un progetto per cui il dopo-Expo non è una incognita angosciante: le stesse biciclette e la stessa logica potrà essere declinata per altri eventi e soprattutto anche per trasformare luoghi cittadini in “palestre di salute”, a partire da supermercati, fast food e ristoranti e centri fitness.Si potrebbe quindi iniziare con Expo, ed imparare lì come fare perché “l’energia che si consuma nello sforzo fisico non venga dispersa, bensì raccolta e riutilizzata in modo efficiente”. Se a Milano, come tanti dicono, si è tutti frenetici, è presto detto: “Let’s go fEATness”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...