DONAZIONI 2.0

Schermata da 2014-12-15 11:24:32

E’ rimasta un po’ nel cassetto, Helperon, “perché non riuscivo a concretizzare: un lavoro sicuro non mi lasciava spazio e tempo per il suo avvio”, poi è arrivata la crisi, ed è arrivato anche “un giovane studente di Architettura e startupper, che l’ha trasformata in opportunità e da utopia, la mia idea ha preso forma diventando un progetto” premiato da Techgarage 2014 e in cerca di investitori.

Si tratta un circuito che collega imprese, cittadini ed enti non profit, tramite la donazione, e Daniele Galante, un 33enne veneto ma milanese d’adozione, l’ha concepito dopo una malattia in famiglia – “che mi ha avvicinato al mondo delle non profit” – e dopo una laurea in Relazioni pubbliche Marketing e Pubblicità, che gli ha insegnato come “le aziende per farsi conoscere devono investire in comunicazione efficace”. Dopo serate a smontare e rimontare Helperon “dal logo al nome, dal modello di business alla comunicazione”, entro marzo 2015, Galante vuole partire con una beta test con una grossa azienda ed una non profit conosciuta. I molti non donano anche per la poca trasparenza su quanto effettivamente viene utilizzato per realizzare progetti sociali, con Helperon non hanno scuse perché ottengono il riscontro sulla trasparenza dato che le onlus dovranno raccontare, all’interno di una pagina loro dedicata nel sito, come vengono adoperati i fondi raccolti. Per donare, gratuitamente, basta guardare gli spot pubblicitari di 30 secondi che una azienda profit inserisce nella piattaforma stabilendo un tetto massimo di visualizzazioni da raggiungere e stanziando un budget di donazione.
Ad ogni spot visto dagli iscritti a Helperon l’impresa profit donerà un euro alla onlus da loro scelta, migliorando così la propria brand reputation  senza costi aggiuntivi; l’utente verrà inoltre targettizzato e geolocalizzato così da permettere una comunicazione più mirata.

Schermata da 2014-12-15 11:24:322
Per le realtà non profit la visibilità aumenta, con la garanzia di raccogliere fondi e la possibilità di comunicare obiettivi sociali, senza alcuna spesa.
L’utente, dona con uno sguardo e può iscriversi anche tramite i principali social network su cui condividere la buona azione , spronare gli amici e, intanto, accumulare punti e coupon per prodotti e servizi delle aziende inserzioniste.
Più che di un circolo virtuoso, si tratta di un triangolo, ma virtuoso resta, e per concepirlo è stato necessario formare il team di persone “giusto ed affiatato, che credesse nel sogno e fosse composto da persone che con le proprie competenze potesse colmare le lacune degli altri membri”. Oggi oltre a Galante, fondatore ed ideatore del progetto, c’è “il giovane startuper architetto” Michele Signoretto, veronese di 22 anni, “il creativo del gruppo” e un altro membro ancora più giovane e sempre veronese: Vittorio Franchini, laureando alla Bocconi. Gli altri “fissi” della squadra sono il responsabile commerciale Luca Girardi, e il developer Sebastiano Morando, a cui si uniscono altri collaboratori altrettanto motivati.
La costruzione della squadra non è stata di certo la principale difficoltà: come racconta Galante “ce ne sono state molte tra cui la realizzazione di un business plan concreto e la partnership tra profit e non profit a volte non compatibili tra di loro, problema poi risolto realizzando una Fondazione”. Inoltre, a sentire questi startupper “il concetto di Corporate Social Responsability oggi ancora non fa parte del DNA delle imprese Italiane”. I costi restano un problema, e ce ne sono stati per raggiungere un buon numero di registrati, per costituire la società e per la comunicazione, oltre che per un portale che “regga” anche in caso di veloce incremento di utenti”. Trovare un investitore, preferibilmente un privato, spiegano “è la nostra prossima difficile sfida”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...