LA TRIBÙ CHE LEGGE

Schermata da 2014-10-18 11:42:39

Riparte con la seconda edizione Dr Startupper, percorso-concorso promosso da Università Cattolica e Camera di commercio per sostenere idee innovative in campo umanistico. La scorsa edizione se la aggiudicò Tribook, ideata da Michela Gualtieri, ospite lunedì 20 ottobre della presentazione della nuova edizione di Dr Startupper all’ateneo di largo Gemelli. Vi proponiamo l’articolo in cui, a marzo scorso, abbiamo raccontato di cosa si tratta e come e’ nata. 

“Un sistema per localizzare in città il libro che ci interessa: doveva essere semplicemente questo, e poi  Tribook è diventato una vera e propria piattaforma web che consente alle librerie indipendenti milanesi di offrire servizi on-line, in linea con le nuove esigenze dei lettori. Libri a km zero con un click, basta impazzire con 1000 telefonate e niente difficoltà o trappole legata agli acquisti on line: sono questi i punti di forza della start up vincitrice della prima edizione di Dr Startupper, percorso dell’Università Cattolica e della Camera di Commercio dedicato all’imprenditoria di studenti umanistici.  Ora Tribook è pronta per essere sviluppata e lanciata, in sinergia con i librai associati nella LIM (Librai Indipendenti Milano), che fornirà consulenze in fase di ricerca e sviluppo.
Si parte da Milano, perché Milano è la città dell’ideatrice, Michela Gualtieri, e come lei stessa spiega “qui si può contare su una rete di librerie indipendenti abbastanza fitta e su un mercato consistente di lettori”. L’idea, poi, è esportabile, “ma sarà importante conservare il senso del libro a Km zero”. Al fianco di Gualtieri, già forte delle competenze del Master Professione editoria dell’Università Cattolica, c’è Brian Suarez, sviluppatore con 7 anni di esperienza imprenditoriale: manca solo un esperto in economia e finanza, ma potrebbe essere in arrivo.

Schermata da 2014-10-18 11:43:06

Mentre già prevede la fatica di cercare finanziatori, e ha invece ben presente quella fatta per il business plan, con tanto di studi di mercato e richiesta di consulenze, la giovane start upper lancia un appello. “E’ necessario diffondere tra gli umanisti le competenze basilari del fare impresa, dare loro gli strumenti per avviare iniziative economicamente sostenibili, per trasformare i sogni in ambizioni – spiega – la nostra solida cultura e la grande passione sono terreno fertile per idee bellissime che però, messe in pratica, risultano autoreferenziali, incapaci di interessare fuori una ristretta cerchia di cultori e di affrontare quindi il mercato”. Secondo Gualtieri, quindi, qualcosa va cambiato nel sistema, per evitare che ottimi spunti si risolvano poi in un buco nell’acqua. Tribook ha scampato il pericolo, grazie alla mente aperta dell’ideatrice e a chi le ha dato una mano, ora la vittoria di Dr Startupper lo proietta verso una veloce e pratica realizzazione. I primi clienti, così almeno prevede il team, “saranno i lettori di Milano, in particolare quella fascia che è più abituata all’acquisto online e assuefatta ai meccanismi social”. Con i vari servizi che man mano la piattaforma sarà in grado di offrire, ogni cittadino potrà restare irretito da Tribook, con la speranza di grandi ricadute sulla rete di librerie indipendenti di Milano, rete fragile e sempre minacciata, ma che non molla e, con l’idea di Gualtieri, rilancia una sfida tutta milanese”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...